Il diario della vita in Riviera (a cura di Marco Vallarino)

domenica 7 marzo 2004

Intervista a Miss Italia 2003: Francesca Chillemi

[Il Secolo XIX 7/03/2004]

Festival di Sanremo. Modesta e sorridente all'apparenza, ragazza della porta accanto. Ma pure spigliata, come si compete alla madrina della bellezza italiana: Francesca Chillemi, 18 anni, catanese, Miss Italia 2003, è salita sul palcoscenico dell'Ariston per premiare l'orchestra di Sanremo. Modesta, naturalmente, nel mangiare (l'abbiamo incontrata al ristorante La Pignese, con la madrina di Miss Italia e la sua collega Miss Italia nel mondo), e pure nel parlare di sé e dei progetti futuri. «Salire sul palco dell'Ariston è un sogno per tutte le ragazze di spettacolo e sono molto emozionata» raccontava alla vigilia la Miss che poi si è vista spiegare, con tutta disinvoltura nel salotto di Bruno Vespa venerdí, i suoi gusti musicali: «Adoro la musica melodica.»

Francesca, si immagina già al timone del Festival, sul palco dell’Ariston, al posto della Ventura?

«Veramente la mia ambizione sarebbe entrare nel mondo del cinema.»

Perché no, anche attrici come la Pivetti hanno presentato il Festival. Davvero non le interesserebbe un posto alla Ventura?

«No, davvero, Simona è troppo brava, spigliata, ineguagliabile.»

Quindi secondo lei è vincente anche questo criticato rinnovamento del Festival?

«Sí, è molto divertente, informale, piú giovane delle edizioni passate. Si sono trovati tanta gente contro mentre con tanta grinta si sono adoperati per svecchiare il Festival.»

Le sono piaciute anche le canzoni?

«Soprattutto Pacifico, per l’atmosfera sognante del suo brano, ma anche Linda, una canzone allegra.»

Ventura o Cortellesi?

«Ventura, anche se Paola è molto brava e trovo che nel complesso siano una coppia ben assortita. Stanno bene insieme.»

Le notti sanremesi?

«Non saprei, questa sera andrò a dormire presto perché sono reduce dai provini con la linea che cura il mio abbigliamento.»

Francesca Forleo

Nessun commento: