Il diario della vita in Riviera (a cura di Marco Vallarino)

venerdì 26 novembre 2004

Farfa dà spettacolo al Pop

[Il Secolo XIX 26/11/2004]

«La vita è come una scatola di cioccolatini,» diceva la mamma di Forrest Gump, «non sai mai quello che ti capita.» Di Francesco Farfa si potrebbe dire lo stesso. Impossibile prevedere che tipo di musica l'acclamato deejay toscano proporrà venerdí sera agli amici della discoteca Pop di Diano San Pietro, nel secondo appuntamento della rassegna Into the Loop, promossa dal gruppo RivieraGang. Il vero cognome di Francesco è Casaburi, ma per tutti è la Farfalla Elettronica, che fa volare la gente sulle ali della sua musica sempre diversa, ma inconfondibile: house, techno, electro, trance, trip-hop, a volte sperimentale. Sono nati cosí i Farfanatici, gli amici e i fan pronti a seguirlo ovunque, in giro per l'Italia e oltre. Da molti anni Farfa è uno dei deejay italiani piú richiesti all'estero.

Sulla scia di Marco, il protagonista del racconto "Dagli Appennini alle Ande", Francesco ha cominciato giovanissimo a mettere i dischi nei piccoli club della Toscana per arrivare, a poco piú di trent'anni, a suonare in posti come il Ministry of Sound di Londra, l'Amnesia di Ibiza, la Locomotive di Parigi, il Vinyl di New York (su invito del Re dei Re Danny Tenaglia) e il Pacha di Buenos Aires, senza contare le partecipazioni a Love Parade e Street Parade. Ma Francesco non dimentica i Farfanatici sparsi per la Riviera e, almeno due volte all'anno, torna a suonare dalle parti di Imperia.

«Sarà una serata indimenticabile» assicura Gianluca Baldissera, in arte Sunny People, membro di RivieraGang. «La borsa dei dischi di Farfa è quanto di piú simile ci sia al Paese delle Meraviglie. L'eclettico Francesco suonerà per ben tre ore, dalle 2 alle 5, dopo un warm up di musica elettronica a cura dei resident dj Antonello Love, Andrea Introvigne e Massimo T. A dicembre e gennaio invece la consolle del Pop ospiterà, tra gli altri, Claudio Coccoluto, Ricky Montanari, Alex Neri, Ralf, Joe Montana, ogni secondo e quarto venerdí del mese. Saranno serate dedicate alla musica house a 360 gradi, senza limiti e confini.»

Quest'estate RivieraGang ha portato in Liguria alcuni dei dj piú noti a livello mondiale, dal giapponese Satoshi Tomiie agli americani Frankie Knuckles e David Morales. «Abbiamo scelto il Pop per la stagione invernale» spiega Gianluca, «perché è il club piú europeo che abbiamo in Riviera, da sempre molto attento alla musica alternativa e alle nuove sonorità. Artisti come Caparezza e i Subsonica hanno suonato qui prima che in altri posti e anche a noi piace lavorare in un ambiente che capisca le nostre idee.»

Alex Mag, dj e pierre del locale, ci ricorda invece le serate di musica rock e commerciale del sabato e la festa delle scuole di martedí 7 dicembre.

Marco Vallarino

Nessun commento: