Il diario della vita in Riviera (a cura di Marco Vallarino)

domenica 21 gennaio 2007

Teatro civile all'Arci Guernica di Porto Maurizio

[Il Secolo XIX 21/01/2007]

Imperia. Partirà sabato 27 gennaio, nel giorno della memoria dell’olocausto e della commemorazione della morte di Felice Cascione, la rassegna di teatro civile organizzata dal Circolo Arci Guernica alla Fondura di Porto Maurizio.

«Una scelta non casuale – assicura Massimo Ardoino, tra i responsabili dell’attività del locale di via Mazzini – tesa a sottolineare l’intenzione di utilizzare queste rappresentazioni, che saranno abbinate a cene a tema, per parlare di problemi attuali che in qualche modo ci riguardano un po’ tutti. Dal punto di vista artistico sarà senz’altro una esperienza nuova, almeno per il pubblico imperiese, con attori “diversi” che offriranno un teatro di nicchia più impegnato ma ugualmente interessante e appassionante.»

Intitolata I cantori di storie, la rassegna proporrà ogni sabato intorno alle 22, con ingresso a offerta libera, fino al 24 febbraio (con una pausa il 17) quattro spettacoli ideati, scritti, diretti e interpretati da autori e attori indipendenti, che hanno fatto del teatro civile un’arte sociale destinata a occuparsi e preoccuparsi delle questioni del mondo e degli uomini che lo abitano, portando sul palcoscenico frammenti di storia collettiva e interrogativi attuali e quotidiani.

Sabato 27, nella serata con piatti ebraici, andrà in scena Sotto i quattro anni è gratis di e con Antonio Carletti, che tornerà ai tempi della seconda guerra mondiale per raccontare l’allucinante viaggio in treno degli ebrei deportati verso il campo di concentramento.

Sabato 3 febbraio, con un menu a base di polenta e cinghiale, formaggio e funghi, Carlo Orlando proporrà La tana della iena, dedicato al racconto del profugo palestinese Hassan che, dal carcere di Roma in cui è stato rinchiuso dopo aver lanciato una bomba in via Bissolani, rievoca l’infanzia con l’arrivo alla scuola militare a nove anni e, ancora prima l’eccidio dei familiari a opera dei falangisti nel 1982 nel campo profughi di Sabra e Chatila.

Il 10 febbraio, sempre con piatti a tema, arriverà Ingannati di Nicola Pannelli, spettacolo liberamente ispirato al romanzo Uomini sotto il sole dell’autore simbolo della lotta palestinese Ghassan Kanafani, con la tragica storia dei tre clandestini che tentano di arrivare in Kuwait nascosti in un’autocisterna.

Il 24 febbraio infine, con piatti d’oltreoceano, il palco del Guernica sarà appannaggio del giovane Luca Assirelli, che reciterà il monologo incentrato sui fatti dell’11 settembre USA Mon Amour, in cui interpreterà tre distinti personaggi (con altrettanti punti di vista) coinvolti nel disastro delle Twin Towers: un manutentore del World Trade Center, il pilota del volo United 93 e un generale della US Navy.

Sempre a febbraio, venerdì 16, l’Arci Guernica ospiterà la proiezione del film-documentario Super size me di Morgan Spurlock, incentrato sugli orrori delle diete da fast food. Sabato 17 ci sarà la grande festa di Carnevale, mentre venerdì 3 marzo decollerà la seconda parte di Buzz – Rumori di Fondo, la rassegna musicale organizzata insieme all’associazione Sonorica per dare spazio ai gruppi locali emergenti, quale che sia il loro genere musicale.

Ulteriori informazioni sulle attività del Circolo Arci Guernica, aperto ogni venerdì e sabato dalle 20 in poi, sono disponibili sul sito ufficiale www.guernica.imperia.it.

Marco Vallarino

Nessun commento: