Il diario della vita in Riviera (a cura di Marco Vallarino)

lunedì 30 aprile 2007

Grande spettacolo a Civezza con Circo Paese

[Il Secolo XIX 30/04/2007]

Civezza. Circo Paese è da sempre uno degli eventi più attesi, tra i tanti proposti dal vivace entroterra imperiese. Giunta alla sua diciassettesima edizione, la manifestazione organizzata dalla associazione “San Marco” trasformerà anche quest'anno, nella lunga, spettacolare e spensierata giornata del primo maggio, il piccolo borgo in un grande circo all'aperto, conciliando le antiche e suggestive tradizionali locali con l'arte del vero teatro di strada. Il costo del biglietto d'ingresso al paese sarà di 2,50 euro e l'incasso dell'evento sarà devoluto a favore di attività umanitarie, come già in passato era accaduto per Emergency e i terremotati di San Giuliano.

La festa, che proporrà l'esibizione di ben otto artisti e gruppi di saltimbanchi, inizierà alle 10.30 con la parata dei partecipanti e si concluderà alla sera con l'immancabile evento gastronomico e danzante. Dopo i grandi successi ottenuti negli anni passati con le partecipazioni di artisti di chiara fama come Raul Cremona (meglio noto come il Mago Oronzo), Franco Neri e Tony Binarelli, nel 2007 Circo Paese ha pure ottenuto il patrocinio di Comune e Provincia e il sostegno della Fondazione Carige e potrà così rilanciare in grande stile la sua offerta divertimento.

La direzione artistica della manifestazione è stata affidata a due veri professionisti dell'arte di strada come Nadir Spagnolo e Arianna Pastorelli. Conosciuti come “Fortunello e Marbella, i clown di passaggio”, i due sono stati protagonisti di moltissimi eventi in Italia e all'estero. L'intenzione è infatti di trasformare Circo Paese, edizione dopo edizione, in un vero e proprio festival del teatro di strada, istituendo un premio destinato a diventare prestigioso e a essere conteso dai migliori artisti del mondo.

Per la scelta dei gruppi sono stati quindi privilegiate le formazioni che vantano più esperienza sul campo, anche e soprattutto a livello internazionale. La manifestazione di quest'anno lancerà pure una collaborazione con la Scuola d'Arte, i cui studenti saranno chiamati a dipingere con soggetti relativi al circo le cassette dei contatori del gas sparse per il paese. Civezza acquisterà così un ulteriore tratto caratteristico, che un giorno forse potrà essere paragonato al Muretto di Alassio. Intanto la speranza degli organizzatori di Circo Paese è di lasciare come sempre gli spettatori a bocca aperta.

Marco Vallarino

Nessun commento: