Il diario della vita in Riviera (a cura di Marco Vallarino)

martedì 12 maggio 2009

Sanremo apre all'elettronica con la prima fiera a tema

[Il Secolo XIX 12/05/09]

Un'esperienza utile e interessante, da ripetere a colpo sicuro. È stata definita così la prima Fiera dell'Elettronica portata lo scorso week end a Sanremo dalla ItalFiere di Cesena. Allestita negli spazi del Mercato dei Fiori, la manifestazione ha regalato agli amanti delle tecnologie d'avanguardia la ghiotta occasione di toccare con mano le ultime novità del settore a due passi da casa. La vasta offerta a 360 gradi dell'evento ha toccato tutti i più noti campi dell'elettronica, come computer, tivù, radio, giochi, auto, sistemi di illuminazione, insieme ad alcuni più singolari, che hanno comunque attirato l'attenzione del pubblico.

«Sono un appassionato di computer e mi piace la possibilità di avere una fiera qua vicino – ha ammesso l'autoriparatore sanremese Gianni Lissi. – Spesso sono andato anche al MARC di Genova, ma se non sbaglio una delle prime edizioni di questa grande manifestazione era stato organizzata proprio a Sanremo, circa 25 anni fa nel vecchio mercato dei fiori. Trovo quindi giusto che si cerchi di risvegliare l'interesse della città per l'elettronica, che potrebbe pure contribuire a richiamare nuovi turisti.»

Tra gli stand più frequentati, quello del gruppo di utenti GNU/Linux del Govonis.org, intervenuto per promuovere l'uso del Software Libero. «In tempi di crisi è importante condividere risorse e conoscenze informatiche per sviluppare programmi utilizzabili gratuitamente da tutti – ha detto il programmatore imperiese Luca Bruno. – Tra le dimostrazioni in programma ce ne sarà anche una che mostrerà come utilizzare Internet via radio anziché attraverso le linee cablate, fornendo una risorsa utile per chi vive in zone senza l'adsl.»

D'accordo anche l'informatico sanremese Daniele Siri: «È ora che la gente capisca che c'è una alternativa libera all'acquisto di licenze e aggiornamenti dei software più conosciuti. Questa fiera dispone comunque di un'offerta a 360 gradi che può soddisfare qualunque esigenza e che con le prossime edizioni si farà ancora più particolareggiata».

Lo stand di cd e dvd di Simone De Rosa esponeva invece un curioso cartello che invitava a parlare francese. «Vivo a Nizza da diverso tempo – ha raccontato l'uomo – e mi aspetto di vedere anche gente in arrivo dalla Francia. Le fiere rappresentano una ottima occasione per fare affari e gli appassionati si muovono anche da abbastanza lontano. Certamente se la manifestazione prenderà piede, anche la città di Sanremo ne trarrà giovamento.»

Grosso successo hanno avuto pure le dimostrazioni di elimodellismo proposte dallo stand del reggiano Roberto Cantini, con grandi e piccini a guardare col naso all'insù gli elicotteri in miniatura che volavano per la sala. Qualcuno si è però lamentato per aver trovato pochi banchi, rispetto allo spazio a disposizione.

«Quando una fiera è alla prima edizione, molti espositori preferiscono rimanere alla finestra per vedere come va – ha spiegato l'organizzatrice Laura Sacchi di ItalFiere. – L'impatto con la realtà sanremese è comunque stato buono e a ottobre è già in programma una seconda edizione. Se tutto andrà bene la fiera diverrà un appuntamento semestrale per garantire agli appassionati di elettronica del ponente ligure e della Francia la possibilità di vedere e provare le ultime novità proprio sotto casa.»

Marco Vallarino
posta @ marcovallarino.it

Nessun commento: