Il diario della vita in Riviera (a cura di Marco Vallarino)

giovedì 30 luglio 2009

Save the Kids da Loano per aiutare i bimbi di tutto il mondo

[Il Secolo XIX 30/07/09]

Si chiama Save the Kids (che in inglese significa: Salvate i bambini) l'iniziativa di commercio equo solidale nata a Loano dall'entusiasmo e dall'impegno di un gruppo di amici e imprenditore. Un progetto legato alla presentazione e alla vendita tramite Internet di un nuovo marchio di abbigliamento uomo donna, supportato già da una discreta quantità di promoter e destinato a raccogliere contributi per l'associazione Find the Cure, che si occupa dell'assistenza ai più bisognosi in ogni angolo del mondo.

«L'indirizzo del sito è www.savethekids.it e intorno alla metà di agosto sarà attivata la sezione che permetterà di acquistare le magliette, le felpe e gli altri capi di abbigliamento griffati Save the Kids – racconta Giacomo Canale, ideatore della iniziativa insieme all'amico Carlo Mongiardini. – Il 18% dell'imponibile ricavato dalla vendita di ogni capo sarà devoluto a Find the Cure, nel tentativo di aiutare questo fantastico gruppo di medici e volontari a dare un po' di serenità a chi vive in condizioni particolarmente difficili.»

Molto noto per essere uno dei titolari della spiaggia e discoteca Golden Beach di Albisola Superiore, Giacomo Canale ha già iniziato a far girare le magliette di Save the Kids tra i locali della Riviera savonese, ottenendo un buon successo di pubblico. «Molti personaggi legati al mondo della notte come i deejay Daniele Mad e Marco Zanza, il vocalist Gati e la modella Carolina Efdre hanno accettato di promuovere i capi di Save the Kids – racconta l'imprenditore loanese. – Il nostro impegno però è a 360 gradi e sostanzialmente mira a sensibilizzare il mondo del consumismo e, soprattutto, a spingere le aziende a orientarsi verso una nuova frontiera del business e cioè un commercio solidale che ceda una parte dei profitti a chi ne ha veramente bisogno.»

D'accordo anche Carlo Mongiardini, consulente informatico, che si occuperà della gestione del sito: «Speriamo che la nostra collaborazione con il dottor Daniele Sciuto di Find the Cure possa dare vita a qualcosa di buono. Se riusciremo a portare avanti con successo il nostro intento benefico, è probabile che organizzeremo un viaggio nei luoghi in cui opera l'associazione, per permettere ai nostri clienti e sostenitori di vedere di persona come lavorano queste persone fantastiche e di collaborare in modo diretto alla loro causa.»

Marco Vallarino
posta @ marcovallarino.it

Nessun commento: