Il diario della vita in Riviera (a cura di Marco Vallarino)

mercoledì 30 dicembre 2009

Capodanno in limousine sulle strade di Montecarlo

[Il Secolo XIX 30/12/10]

Il cenone di Capodanno? Meglio farlo a casa, in compagnia dei parenti, degli amici più cari e lontano dalla confusione di ristoranti e discoteche che, spesso, approfittano della pantagruelica ricorrenza per alzare i prezzi dei menu e degli eventi proposti. Non sono pochi quelli che a Imperia e dintorni stanno allestendo, proprio in queste ore, case, cantine e tavernette per ospitare feste private all'insegna del risparmio, oltre che del divertimento. Un modo per combattere la crisi, ma anche per ottimizzare ogni risorsa, sposare alla perfezione i propri gusti e non lasciarsi travolgere dalla inevitabile baraonda di San Silvestro.

Per qualcuno però il cenone a casa sarà solo l'inizio di una lunga notte di giochi, balli e brindisi in giro per le strade e i locali della Riviera e della Costa Azzurra. Un gruppo di ragazze di Imperia sta per realizzare il sogno di molte loro coetanee, cioè trascorrere la notte di Capodanno in giro per Montecarlo in limousine.

«Abbiamo affittato la macchina presso un'agenzia di Genova e non vediamo l'ora di salirci! – racconta la ventunenne Alessandra Dimopoli, che sarà insieme a Denise Castrogiovanni, Marina Damonte, Greta Rossi, Alessandra Di Feo. – Giovedì sera organizzeremo a casa di Denise una festa per sole donne, cucinando qualcosa di sfizioso come lasagne e arrosto e brindando con Traminer e Bracchetto. Canteremo e balleremo finché alle 22.30 non verrà a prenderci l'autista con la limousine. Poi chiameremo i nostri amici uomini e ci dirigeremo verso Montecarlo per fare tappa in qualche pub e se avremo voglia anche in discoteca.»

Potrebbero finire nel principato di Monaco anche Paolo Renda e i suoi amici. Ex pierre molto famoso col nick di Mister Paul, Renda organizzerà per una volta il Capodanno nella casa dei suoi genitori ad Arma di Taggia, anziché in qualche discoteca della provincia, ospitando una quindicina di amici.

«Compreremo insieme lo champagne per brindare – racconta il giovane. – Poi ognuno porterà qualcosa da mangiare, nella convinzione che a casa avremo più tempo e spazio per stare tra noi e chiacchierare, prima di tuffarci nella movida di San Silvestro.»

Sopra San Bartolomeo, a Pairola, si svolgerà invece il cenone di Maria Mendola, che nella tavernetta dei genitori ospiterà, insieme al marito Diego Della Valle, una ventina di amici. Anche qua, gli invitati porteranno la cena da casa, risparmiando non poco rispetto al ristorante e avendo più tempo per karaoke e giochi vari.

L'imperiese Jessica La Monica sarà con il fidanzato e le amiche in una casa di montagna a San Giacomo, con i piatti del cenone preparati dalle rispettive mamme nella convinzione che a Capodanno la cucina casalinga sia migliore (oltre che più economica) di quella dei ristoranti.

Cenerà in casa anche Ida Frattarolo col fidanzato Giuseppe e gli amici Silvia e Matteo, ma stavolta per sfuggire al tour de force imposto in giro dall'obbligo di brindare a mezzanotte. Appuntamento rigorosamente informale pure per il regista Emilio Audissino che, domani avere animato conferenze e dibattiti cinematografici in giro per l'Italia, si ritroverà in casa di amici per mangiare «quello che capita, per non dire schifezzine, snack e dolciumi assortiti» in attesa del brindisi.

Marco Vallarino
posta @ marcovallarino.it

Nessun commento: